NOTIZIARIO DD - N° 4: LA DEMOCRAZIA IN SVIZZERA

1
0

Nei secoli passati le comunità elvetiche si promettono assistenza reciproca e incondizionata contro qualsiasi avversario, rifiutano che la giustizia sia amministrata da funzionari stranieri, pretendono che i giudici siano scelti fra loro e che in caso di conflitti fra le comunità si ricorra ad un arbitro.

Le comunità delle vallate vogliono salvaguardare le libertà ed amministrare esse stesse i loro beni. E' DAL BASSO dunque che si governa, a differenza delle regole in vigore nelle altre nazioni. E' nella Costituzione del 1874 che viene iscritto il diritto di referendum (deliberativo) e nel 1981 viene pure iscritto il diritto dell'iniziativa popolare, entrambi sempre con effetto esecutivo. La Svizzera diventa ufficialmente una "democrazia semidiretta" con due diritti di un'ampiezza ancora oggi introvabile e impensabile altrove.

Share this