RIFLESSIONI DD - FRASI SULLA DEMOCRAZIA DI PERSONAGGI CELEBRI E NON

1
0

***I capi delle nazioni decidono su di esse e i superiori esercitano su di esse il potere, tra voi questo NON ci deve essere. (Gesù di Nazareth, condannato a morte dal potere politico e religioso)

***La democrazia non è solo la possibilità e il diritto di esprimere la propria opinione, ma è anche la garanzia che tale opinione sia presa in considerazione dal potere, e soprattutto è la possibilità per ciascuno d’avere una parte reale nelle decisioni. (Alexander Dubček, politico cecoslovacco esautorato dall’URSS)

***I problemi sociali non possono essere risolti con gli stessi schemi mentali che li hanno creati. (Albert Einstein, scienziato tedesco)

***In democrazia, quando si reclama la propria libertà, bisogna reclamare non solo la nostra, ma anche quella di tutti gli altri. Il potere della maggioranza dei rappresentanti, quand’è coercitivo, è intollerabile come il potere delle minoranze burocratiche. (Gandhi, politico indiano fautore della nonviolenza)

***In verità vi dico: ogni cosa che la comunità tutta insieme approva sulla terra è approvata anche in cielo e ogni cosa che essa respinge sulla terra è respinta anche in cielo. (Gesù di Nazareth, fautore dell'amore scambievole, nei rapporti interpersonali, e della fratellanza universale, nei rapporti comunitari)

***Chi cerca la Verità la trova, chi trova la Verità l’attua nella società. Il potere non vuole la Verità, impone delle suggestioni che chiama verità. (Juan Rodríguez Lozano, ufficiale spagnolo fucilato dai franchisti)

***Il male sociale è dovuto non a insensibilità o inettitudine del popolo, ma alla mancanza del diritto istituzionale he permette al popolo di esprimere la propria volontà direttamente, con effetto vincolante, sulle esigenze comuni. (Anonimo)

***Allorquando sono annientate tutte le strutture di potere e le forme di dominio … abbiamo la “pienezza dei tempi” (che nell’accezione comune è il paradiso - ndr). (Paolo di Tarso, “apostolo” dei primi cristiani, condannato a morte dal potere)

***La democrazia diretta dei cittadini è il fattore di progresso dell’umanità che fa conseguire in modo generalizzato: benessere, pace duratura, unione, libertà, maturità civile, ricerca avanzata, progresso, giustizia sociale, economia sana, ambiente vivibile; che non fa più rassegnare alle strutture logoranti del potere, le quali causano: indigenza, guerre, divisioni, paura, disastri finanziari, disinformazione, censure, regresso, ingiustizie, degrado ecologico.
La democrazia diretta è il diritto di tutti, s’immedesima con la volontà dei cittadini, è totalmente vicina all’anima del popolo, fa diventare i cittadini sovrani. (Myriam Jaghesta)

***“Ekklêsia” (in italiano è comunemente tradotto “chiesa” - ndr): S. Paolo chiama ogni comunità dei primi cristiani “ekklêsia” - che etimologicamente significa “l’incontro del popolo riunito per decidere sulle esigenze della città”. Non ha altri significati nella lingua greca antica: “ekklêsia” va tradotto proprio con “democrazia”, dove tutti sono alla pari, tutti insieme possono prendere parte alle decisioni che riguardano la comunità, senza potenti che comandano. È l’avvento della libertà, il nucleo di un popolo nuovo, di una nuova umanità. Le comunità non si riuniscono per celebrare un culto, per praticare una religione, ma per vivere l’amore reciproco nella fraternità di un popolo di uguali. Stare insieme è la ragione di questi incontri. (José Comblin, teologo belga vissuto in Sudamerica)

***Romani! Nulla di quello che viene proposto può diventare legge senza il vostro consenso, siate voi stessi gli autori delle leggi che devono fare il vostro benessere. (I decemviri, magistrati dell’antica Roma repubblicana - V° secolo a.C.)

Share this