La FIERA DELLE VERITA'

Ritratto di pino
0
0
Ultimo aggiornamento La fiera si terrà presso l'hotel duke via archimede n.69, oggi 28/10 dalle ore 15 alle 19.30 e domani 29/10 dalle ore 9.30 alle 13.30. Rimandiamo a data successiva i commenti su questa vicenda. Attenzione! La FIERA è stata sospesa! Pare che all'ultimo momento sia venuta meno la disponibilità della sala. Ancora una volta il pensiero non omologato (non importa se a destra o a sinistra) viene represso. Un altra sconfitta per i cittadini liberi. Un altra vittoria per Il Grasso Banchiere IGB©. Un altra vittoria dell'oligarchia. Dispiace solo che avvenga per mano di chi, più di altri, avrebbe dovuto difendere e garantire il diritto all'espressione, di chi pensavamo avrebbe avuto più forza per resistere ai ricatti e alle paure irrazionali. Noi continueremo, con ancora maggiore determinazione, a sostenere la lotta per il recupero della sovranità, e l'affermazione della democrazia, senza usare il filtro ideologico che aiuta a tenerci schiavi.
Sabato 28 e domenica 29 ottobre 2006 si terrà la 1.ma FIERA DELLE VERITA' a Roma, presso la CASA DEL POPOLO, via Benedetto Bordoni, 50
Dal volantino di informazione sulla Fiera: Viviamo in un mondo in cui i Governanti vendono la propria versione dei fatti e manipolano le informazioni per ingannare l'Essere Umano e tenerlo incatenato al suo posto di schiavo. Ogni avvenimento nel mondo è legato con filo invisibile a Il Grasso Banchiere©. I Governanti chiamano questa visione “complottismo”, noi chiamiamo i Governanti con il loro vero nome: DITTATORI. Hanno raggiunto e detengono il potere con mezzi truffaldini, sono stipendiati dal sistema bancario internazionale e operano al solo fine di mantenere la supremazia delle BANCHE sull'UOMO. Allora mostriamo le NOSTRE verità e, conforntandole tra loro, uscirà un quadro sconcertante: quel filo esiste ed è nelle mani dei banchieri sovranazionali ch elo usano per cucirci addosso un triste sudario.

A Parma i giovani scelgono con l'e-vote

0
0
[fonte: Punto-informatico] Potrà essere facilmente adattato ed utilizzato da altre istituzioni locali il sistema di voto elettronico messo a punto dalla Provincia di Parma per stimolare la partecipazione dei cittadini, in particolare dei giovani, alle decisioni di interesse pubblico. Un progetto che non è unico nel suo genere ma che delinea, dicono i promotori, quanto si può già fare in tema di e-democracy, con la speranza di arrivare a decisioni condivise e consapevoli da un numero più elevato di persone.

Video di Robin Good sui DD

Ritratto di pino
0
0
Robin Good ha pubicato sul suo sito un bel servizio intitolato: Democrazia Diretta: Nasce L'Associazione Democratici Diretti - Video Intervista A Stefano Grini. Potete vederlo qui. Lo ringraziamo e gli auguriamo di continuare come sempre a mantenere attenzione ai fenomeni nuovi e significativi della società.

E nata l'associazione politica "Democratici Diretti"!

Ritratto di pino
0
0
Il giorno 1 ottobre 2006 è stata costitutita l'associazione politica denominata "Democratici Diretti", in breve "DD". Sono disponibili on line l'atto costitutivo e lo statuto Vers.

Congresso di fondazione anche on line!

Ritratto di pino
0
0

skypecast

SABATO 30 settembre ore 14.00 Direttamente sul tuo computer Le nuove tecnologie ci vengono in aiuto e grazie a Skypecast potete seguire l'audio del congresso per il pomeriggio dalle ore 14.00 al

Revocata la manifestazione del 30 settembre!

Ritratto di pino
0
0
E' stato rilasciato dagli organizzatori il seguente comunicato: A causa di contrattempi indipendenti da noi la "Marcia funebre per la morte della democrazia" e' temporaneamente rimandata a data imprecisata. A quanto pare la Questura di Roma dopo avere autorizzato la manifestazione, a 4 (quattro), dicasi quattro, giorni dalla data fissata, ha revocato il permesso. La motivazione sembra essere la compresenza di un altra e più importante (per loro) manifestazione, richiesta successivamente. Non si conoscono per ora altri particolari.

La democrazia è morta. Viva la democrazia!

Ritratto di pino
0
0
II 30 settembre il gruppo meetup “Amici di Beppe Grillo- utopia e realtà" ha organizzato a Roma una manifestazione contro l'indulto e gli altri tradimenti, quelli già attuati e quelli prevedibili, della gran parte dei rappresentanti eletti in parlamento. Molti elettori di sinistra si sentono infatti traditi nelle loro aspettative per le deviazioni dalle linee programmatiche esibite dal centro sinistra PRIMA delle elezioni. Si può certamente dire che lo stesso sia avvenuto nel passato e avvenga anche per gli elettori del centro destra. E' infatti una triste esperienza comune a TUTTI gli elettori quella di vedere calpestate o "re-interpretate" le promesse elettorali. E' per noi naturale quindi aderire alla manifestazione nell'ambito della quale si celebrerà il FUNERALE DELLA DEMOCRAZIA. Noi crediamo che da questa morte possa partire però una rinascita. Oggi è sempre più evidente che ciò che abbiamo comunemente chiamato democrazia è in realtà un simulacro, una finzione della democrazia. Ormai è chiarissimo: la democrazia partitico-rappresentativa è una oligarchia elettiva. Noi siamo solo sudditi che possono solo scegliere i loro oligarchi. Se questa finzione muore, noi siamo felici. Perchè noi vogliamo una democrazia vera.

Congresso di Fondazione

0
0
Sabato 30 settembre e Domenica 1 ottobre Casa delle Culture Via S.

Per il referendum abrogativo e propositivo a Vicenza

Ritratto di pino
0
0
Pubblichiamo un appello del Comitato Più Democrazia di Vicenza Come molti sanno, domenica 10 settembre, tramite il primo referendum comunale, abbiamo l'occasione di chiedere di introdurre gli strumenti del referendum abrogativo e propositivo a Vicenza. Sono strumenti importantissimi per permettere ai cittadini di fare sentire la loro voce nei problemi della città. Esistono già in Svizzera, in California, in Baviera e in molte città italiane. rito1Il Comitato Più Democrazia, formato da 24 cittadini di varia estrazione, si è impegnato con tutte le sue forze per informare. Ma abbiamo dovuto affrontare la censura quasi totale del maggior quotidiano della città, l'ostilità dei partiti della maggioranza, l'indifferenza di quelli della minoranza, con la vistosa eccezione di Vicenza Capoluogo, del consigliere Dovigo dei DS, di Asproso dei Verdi e di Rifondazione, il sabotaggio del Sindaco che ha organizzato il referendum nell'ultimo ponte estivo (costingendoci a fare campagna elettorale in agosto con la città deserta), l'ostilità di chi detiene il Potere sulla città.

Un cittadino sotto tutela: superare i limiti del referendum abrogativo

Ritratto di pino
0
0
rito1La Costituzione Italiana, pur essendo una ottima costituzione, è prodotto umano e non divino. Questo era chiaro anche ai padri fondatori che, appunto, ne hanno previsto la possibilità di modifiche. In particolare due articoli mostrano a nostro parere di essere ormai inadeguati o proprio non più accettabili in una moderna democrazia degna di questo nome: uno è l'art. 67 di cui abbiamo già precedentemente trattato e l'altro è l'art. 75 sull'istituto del referendum abrogativo. rito1L'art.75 permette solo la cancellazione di una legge o di PARTI di essa. E' per noi una anomalia, per non dire un pesante limite della democrazia, che ai cittadini venga concesso solo di abrogare le proprie leggi (o parti di esse) e non deciderne di nuove. L'esigenza di avere strumenti di tipo propositivo-deliberativo è stata dimostrata più volte proprio dagli ultimi referendum. Essi spesso erano incomprensibili proprio perché per surrogare l'impossibilità di proporre testi organici ex novo, si è usato richiedere lunghe serie di cancellazioni parziali (appunto di parti di leggi, spesso di singole parole, a volte di parti di singole parole) del vecchio testo per trasformarlo in una legge con orientamento nuovo o opposto. Inoltre questa norma, che consente solo l'abrogazione e non la proposizione di una legge, a noi appare rasentare il paradosso giuridico.
Condividi contenuti