RIFIUTI PERICOLOSI A LO UTTARO

Ritratto di pino
0
0
VIOLATE ANCHE LE NORME DEL CODICE PENALE. Per le sostanze irregolari individuate in questa discarica "normale" valori superiori di oltre dieci volte a quelli consentiti in discariche "speciali". Nella discarica lo Uttaro a Caserta, gestita dal consorzio ACSA CE3, sono stati conferiti rifiuti pericolosi. Questo dicono le analisi effettuate dal laboratorio Chelab di Treviso ed allegate agli atti in una causa in discussione a Napoli per ottenere la chiusura della discarica. Sulla novità il Comitato Emergenza Rifiuti di Caserta ha tenuto una conferenza stampa mercoledì 11 luglio, nella sede casertana di Italia Nostra, in via Battisti 69. Le violazioni delle norme evidenziate dalle analisi sono gravi. Il Comitato Emergenza Rifiuti di Caserta ha deciso di informare il commissario di governo e la magistratura competente perché con urgenza siano presi provvedimenti a difesa della popolazione e dell'ambiente.

Un autunno caldo di iniziative

Ritratto di pino
0
0
RIUNIONE DEI PROMOTORI DELLE LISTE CIVICHE IN DEMOCRAZIA DIRETTA A LUCCA IL 29 e 30 SETTEMBRE L'unica via percorribile per uscire dalla dicotomia "movimentismo senza rappresentanza politica - delega al sistema dei partiti" è quella della organizzazione diretta da parte dei cittadini di "liste civiche per la democrazia diretta e in democrazia diretta".

Assemblea Nazionale dei DD

Ritratto di pino
0
-1

Roma, sabato 6 Ottobre 2007, ore 10.00 - 18.00 Fondazione Basso, Via della Dogana Vecchia n. 5 Odg proposto: 9.30 - 10.00 registrazione partecipanti. 10.00 Discussione e approvazione odg e segreteria assemblea ore 10.15 -10.30 relazione su - Bilancio politico economico del primo anno di attività  e prospettive dell'organizzazione Dalle 10.30 in avanti: Discussione sulla relazione e su - Il ruolo dei DD organizzati nel movimento generale di trasformazione della democrazia italiana. - L' iniziativa delle liste partecipate. Nel corso dell'assemblea i membri sono invitati a candidarsi e a confermare o modificare la propria preferenza per le cariche previste dallo statuto. Le regole di conduzione dell'assemblea saranno le stesse del congresso di fondazione. Segui sul forum le discussioni sui temi e organizzazione dell'assemblea.

Myanmar. Domani, 28 settembre...

Ritratto di pino
0
0
...indossate qualcosa di rosso.

PROTESTA NAZIONALE PENSIONI MINIME E D'INVALIDITA' CIVILE

Ritratto di pino
0
0
Raccogliamo e volentieri giriamo la seguente segnalazione. Il M.E.D.A. indice una protesta nazionale pacifica a Roma il 27-10-07 a Piazza SS.

ATTENZIONE! Attacco senza precedenti alla libertà di internet!

Ritratto di pino
0
0
E da chi viene? Dagli USA? Dalla cina? Dall'iran? Dalla Birmania? Da Berlusconi? No. Dal governo di centro sinistra italiano! Era sfuggito a molti. Il 12 ottobre il governo ha approvato un disegno di legge che se approvato dal parlamento sarà la fine dei blog, e più in generale la libertà di internet sarà ferita in modo pesantissimo. Nessuno nei paesi occidentali ha mai tentato una cosa el genere! Il progetto è complesso e articolato, ma nelle pieghe dell'art.6 si nasconde una trappola mortale.

La democrazia diretta nella terra dei canguri.

Ritratto di pino
0
0
Il partito "Senator on line" sta lanciando per le prossime lezioni politiche australiane un innovativo esperimento. I senatori che verranno eletti nella loro lista avranno l'obbligo di votare secondo quanto verrà deciso da tutti i cittadini australiani attraverso sondaggi su internet. Se l'iniziativa avesse successo sarebbe il primo caso di democrazia diretta praticato su vasta scala. L'idea è per certi versi simile a quella della Lista Partecipata che il movimento dei Democratici Diretti sostiene e stimola. L'idea cioè, che non deve contare la volontà di chi è eletto, nè tanto meno del partito o dell'organizzazione che li presenta e implementa gli strumenti necessari, ma che gli eletti sono un puro strumento di espressione della volontà dei cittadini.

Sostegno dei DD alla Petizione dei cittadini di Latina

Ritratto di pino
0
0
I Democratici Diretti, Movimento per la democrazia diretta, sono lieti di rilevare intenzioni di democrazia diretta nei punti all'oggetto della petizione intitolata, “Affinchè i fondi nazionali concessi al comune di Latina a titolo di indennizzo della servitù nucleare siano tutti correttamente spesi per le necessità di B.go Sabotino e dei borghi limitrofi”. Infatti, i punti 1 e 3 di tale petizione ci appaiono l'espressione di un sentimento volto a porre i cittadini come protagonisti dei processi decisionali di governo, in questo caso della città di Latina.

Rovereto: Lo Statuto dei Cittadini

Ritratto di pino
0
0
riceviamo da Paolo Michelotto e volentieri pubblichiamo
A Rovereto, giovedì 15 Novembre 2007 ore 20,30
nella Sala Adami
(fianco chiesa S.Marco)
abbiamo organizzato l'assemblea partecipativa
Lo Statuto dei Cittadini Cambiamo insieme le regole per migliorare la città
Sappiamo che sembra un tema tecnico adatto solo per politici e burocrati. Ma non è così, è un argomento che toccherà profondamente la tua vita privata e di cittadino per i prossimi anni. Perchè lo Statuto Comunale è l'insieme delle regole fondamentali della città, quelle che fanno in modo che la qualità della vita di Rovereto sia buona o sia cattiva.
Lo Statuto Comunale è per i cittadini di Rovereto come la Costituzione per i cittadini Italiani.

In questi giorni sta succedendo un fatto gravissimo. Lo Statuto sta per essere modificato e noi crediamo in peggio, senza discussione in consiglio comunale e soprattutto senza coinvolgere i cittadini.
Tra le modifiche che questa giunta vuole effettuare, c'è la cancellazione del Referendum Abrogativo, lasciando solo quello consultivo, che è inefficace, perchè non vincolante per gli amministratori.

Rovereto: Assemblea dei Cittadini per Lo Statuto

Ritratto di pino
0
0
Da Rovereto riceviamo e publichiamo Mercoledì 28 novembre ore 21, presso il Centro per la Pace ci incontriamo per iniziare il percorso per realizzare uno statuto davvero dei cittadini. L'incontro è aperto a tutti coloro vorranno aiutarci. Una buona notizia per i cittadini. Anche grazie alla nostra pressione, il consiglio comunale si è ripreso il diritto di discutere sulle riforme allo statuto. Le settimane scorse il sindaco Valduga (eletto anche promettendo la partecipazione ai cittadini), scavalcando le prerogative del consiglio comunale, aveva fatto la proposta di togliere il referendum abrogativo dallo statuto, lasciando il solo strumento senza forza e senza valore del referendum consultivo. Invece di dare maggiori strumenti di democrazia ai cittadini come chiesto dal decreto regionale 75 del 2005, voleva toglierli.